link alla homepage link alla direzione cultura della regione veneto
link al sito ufficiale del comune di piove di sacco
Presentazione dell'iniziativa
separatore
profilo storico
bibliografia essensiale su ruzante
i luoghi di ruzante
messinscene ruzantiane - separatore
opere di ruzante
Elenco degli spettacoli
Elenco dei registi
separatore
ruzante e la musica
separatore
iconografia ruzantiana
Ruzante ed il cinema
pulsante eventi - separatore
eventi / spettacoli
eventi / convegni
attività per le scuole
pubblicazioni
altri eventi
banda finale
Fiorina Bilora - I Ruzzantini - 1942 torna indietro di un passo
TITOLO Fiorina, Bilora
AUTORE Angelo Beolco detto il Ruzzante
REGIA Lina Costa
COMPAGNIA I Ruzzantini 
DEBUTTO Roma, Teatro delle Arti diretto da Anton Giulio Bragaglia, 5 dicembre 1942
RIPRESE Padova, 29 marzo 1947 il Circolo Vernacolista Ruzzantini Pavani ripresenta autonomamente la Fiorina.
PERSONAGGI E INTERPRETI Bilora e Ruzante (Antonio Rossi – Beolco da Roncaglia); Pitaro e Marchioro (Eugenio Capuzzo – Stropeghin da Brusente); Dina e Fiore (Gilberta Sottochiesa – Sucarina da Cortelà); Andronico e Pasquale (Bruno Pandini – Menamusse da Cavazzana); Zane, Sivelo e Bedòn (Giovanni Zanon – Scàrdola da Salboro); Teodosia (Maria Rossi – Galinela da Noventa); Suonatore di fisarmonica (Tullio Gasparin – Strufacola da Vacarin); Suonatore di clarinetto (Giuseppe Checcetto – Pifararo da Conselve); Anzoleta, cantante (Idia Rossi – Calandrina dala Mandriola)
SCENOGRAFIA Enrico Prampolini
COSTUMI i Ruzzantini
RECENSIONI E. CONTINI, "Bilora" e "Fiorina" del Ruzzante, in «Il Messaggero», 6 dicembre 1942
BIBLIOGRAFIA Giovanni Calendoli (a cura di), Ruzante sulle scene italiane del secondo dopoguerra, Catalogo della mostra (23-25 giugno 1983), Padova, Oratorio di S. Rocco (Università degli Studi di Padova, Comune di Padova), pp. 18-20.

Roberta Marcotulli, Teatro di dopoguerra. Ruzante sulle scene italiane del Novecento, Università degli Studi di Roma La Sapienza, a.a. 1998-1999 - Tesi di Laurea, pp. 68-70

A.G. Bragaglia, Addio a Lina Costa, in «Il Dramma», 1 e 15 febbraio 1946, p. 83